#UNDONOPERILCANILE LA RACCOLTA BENEFICA DI NATALE

Era il 12 Dicembre 2020 quando mi arrivò la notifica di Instagram di un messaggio scritto da Micaela di Mifi.dog che mi accennava di un progetto Natalizio a scopo solidale pensato insieme a Cristina di Lovemypets.

Decisi di approfondire l’argomento con una call a tre per conoscere le due persone che mi avevano proposto di partecipare al progetto e per capire come avrei potuto rendermi utile nella loro iniziativa.

Fu così che nel giro di mezza giornata ci trovammo in 3 con un attestato di partecipazione, una locandina,un’organizzazione impeccabile e il turbo inserito nella macchina che aveva creato!

Ci siamo divise i compiti per raccogliere a Milano e nelle zone limitrofe più materiale possibile da poter donare al Canile Vita da Cani di Arese.
Mi ricordo che il mio telefono stava impazzendo da quante mail, chiamate e messaggi continuavo a ricevere.
Avevo il cuore pieno di gioia,non solo perchè stavo facendo qualcosa di bello, ma perchè le persone stavano dimostrando piena solidarietà nei confronti di cani meno fortunati.
Abbiamo iniziato la raccolta il 15 dicembre e il 22 ci siamo ritrovate con 3/4 macchine colme di coperte, cibo,cucce,guinzagli,pettorine,medicine e tanto altro.

Il 22 mattina ci siamo recate presso il Parco Canile di Arese e lì ad aspettarci c’era Patrizia, la signora che gestisce il posto e si prende cura di tutti i cani presenti nella struttura, insieme ai numerosi volontari.
Mi ricordo ancora gli occhi di Smile,il cane che avrei tanto voluto portare via con me, ma ne ho già due e abito in un piccolo bilocale,non avrei saputo come fare.

Sono contentissima che Micaela e Cristina abbiano deciso di coinvolgermi in questa raccolta benefica.
Vi lascio qualche foto scattata durante la raccolta e qualche scatto dei cani che cercano casa.
Spero di ricevere ancora tantissime mail con richiesta di adozione!

A tutti i partecipanti è stato rilasciato un attestato di ringraziamento, ma vi ringrazio ancora pubblicamente perchè siete delle persone meravigliose che hanno regalato un po’ di speranza a queste dolcissime creature.
GRAZIE DI CUORE A TUTTI VOI.


RANDAGI PER CASO: IL CALENDARIO 2021

Finalmente è pronto il calendario 2021 Randagi per Caso!
Ancora una volta le foto sono state scattate dalla giornalista e fotografa Silvia Amodio e vedono come testimonial d’eccezione Saturnino,ritratto per l’occasione con la sua dolcissima Oliva.

CHI è RANDAGI PER CASO?
RANDAGI PER CASO è una Onlus che nasce nel 2016 da un gruppo di volontari della provincia di Monza, il cui scopo è la sensibilizzazione della comunità nei confronti di tutti gli animali, con particolare riguardo per cani e gatti.
I volontari si fanno carico e si prendono cura di cani e gatti in difficoltà, i quali, dopo valutazione veterinaria e comportamentale, vengono inseriti nel nostro programma di adozione.

Potete prenotare la copia del Calendario inviando una mail a randagipercaso@gmail.com oppure potete chiamare il numero 347/6008168 per concordare il ritiro o la consegna presso il vostro domicilio.

Le offerte partono da 10 euro e possono essere effettuate tramite BONIFICO BANCARIO :
IBAN IT48U0200833270000104422725
BANCA UNICREDIT FILIALE LISSONE
INTESTATO A RANDAGI PER CASO ONLUS

Paypal: randagipercaso@gmail.com

LA STORIA DI INDY


“Indy è stato trovato in una fredda giornata di Dicembre, in un campo incolto.
Aveva poche settimane di vita e vegliava su una cagnolina, la sua mamma, che in quel momento ci aveva già lasciati.
Il suo pianto straziante ha attirato i volontari della Pietramontecorvino protezione animali. Era così piccolo e triste. Una volontaria se ne innamorò e lo prese con sé per crescerlo come un figlio in attesa di una perfetta adozione.
Io e il mio compagno abbiamo da sempre desiderato di allargare la nostra famiglia con un fedele amico a quattro zampe. Un giorno ci siamo imbattuti in un video di un bellissimo cagnolino: piangeva, gli occhi persi nel vuoto. “È lui.” Ci siamo detti. E così partí per un lungo viaggio. Ad aspettarlo trovò noi. Ma lui in qualche modo lo sapeva. Appena arrivato a casa la sua gioia fu incontenibile. Da quel momento Indy, ancora sorride. Da quel momento Indy ama la vita, si gode ogni piccola avventura come se fosse l’ultima, come se fosse il dono più bello che qualcuno potesse mai fargli, come se fosse grato, a tutto.”

“Quella di Indy è diventata la mia storia preferita e non mi stancherò mai di raccontarla. Mi riempie di gioia e di gratitudine, mi aiuta a sperare in un mondo all’altezza di tutti.

Questa è la storia raccontata da Giulia, una ragazza molto carina nei modi che un giorno mi ha contattato su Instagram per illustrarmi il suo nuovo progetto artistico.
È per questo motivo che, oltre a dare spazio alla sua storia, vi indico la sua pagina IG in cui potete trovare i meravigliosi ritratti personalizzati realizzati da lei per i vostri amici a 4 zampe.
La trovo un’idea carina per fare un regalo a chi si vuole bene.

@indydogslife.shop

Di seguito alcune idee realizzate per i miei due cani : Wilson e Lady

ALIMENTA L’AMORE: IL PROGETTO DI Coop Lombardia

Gli animali nel cuore di Alimenta l’Amore

Alimenta l’Amore è un progetto promosso da Coop Lombardia in collaborazione con i Comuni e le associazioni dei territori.
L’intento è creare maggiore sensibilità sul tema del benessere animale e sul rapporto uomo e animale, sentito ormai da un numero sempre maggiore di persone.
Gli animali fanno parte della storia evolutiva dell’uomo: ritrovare un equilibrio con loro e la natura è diventata una necessità, per la nostra stessa sopravvivenza.

La colletta alimentare nei punti vendita Coop Lombardia

Alimenta l’Amore nasce nel 2014 e viene presentato nella cornice della Sala Alessi di Palazzo Marino alla presenza di amici e istituzioni.
Da quell’evento di presentazione, il progetto è cresciuto e la colletta alimentare permanente nei negozi è uscita dai territori del comune di Milano, espandendosi in tutta la regione. I punti vendita Coop Lombardia coinvolti nella colletta alimentare sono sempre di più, così come i comuni e le associazioni interessate.
Nel 2016, il cibo donato attraverso il progetto dai clienti di Coop Lombardia è stato tantissimo, pari a 288 mila pasti per gli amici a quattro zampe in difficoltà. A questi numeri si affiancano altre iniziative di sensibilizzazione e raccolta, come i pet day organizzati in modo più capillare nella rete di Coop.
Ad oggi i risultati raggiunti grazie all’attenzione e alla generosità di soci e clienti della rete Coop Lombardia sono sempre più soddisfacenti: in quattro anni abbiamo donato oltre un milione di pasti agli amici a quattro zampe.

Il progetto Human Dog con l’amica Silvia Amodio

Alimenta l’Amore non è solo “donazioni”: è anche sostegno alle associazioni attraverso l’arte e la cultura, grazie alla proficua sinergia con la fotografa Silvia Amodio e al suo progetto Human Dog, dedicato al profondo rapporto uomo-animale.
Ogni anno i proprietari di animali domestici sono invitati a presentarsi su set fotografici dedicati, dove poter esprimere il loro amore per il proprio pet.
È ormai una bella consuetudine che a San Valentino celebriamo l’amore per gli amici pelosi invitando le persone a farsi fotografare: da anni è il Castello Sforzesco di Milano ad ospitare questo evento.
Dopo il set, in primavera, alcuni scatti andranno ad abbellire per un mese il Cortile della Rocchetta del Castello Sforzesco in una mostra gratuita che in tre edizioni è stata visitata da complessivamente oltre 1 milione di visitatori.
Tutti i ritratti fotografici, vengono raccolti in un catalogo, il cui ricavato è devoluto al canile municipale di Milano.
Dal 2016 grazie al lavoro di Silvia Amodio e di Bruno Bozzetto c’è anche un altro modo per ricordare il meraviglioso rapporto tra uomo e animale: i calendari di Alimenta l’Amore che ogni anno raccontano storie bellissime e che permettono di aiutare gli ospiti del Parco Canile Rifugio di Milano.

Il sostegno a progetti di charity

Nel 2018 sono arrivati nei negozi Coop Lombardia i Fortunelli, cinque peluche che, grazie alla generosità di Soci e clienti, ci hanno permesso di aiutare tre diverse realtà: l’Ospedale San Raffaele, dove è attivo un progetto legato ai disturbi alimentari, la Fondazione De Marchi, che si occupa dei piccoli malati oncologici, e il Parco Canile Rifugio di Milano.
Nel corso di questi mesi, inoltre, i Fortunelli hanno portato gioia e sostegno anche a tante altre realtà della Lombardia, e non solo, facendo tappa: nel day hospital pediatrico del Policlinico San Matteo di Paviaall’Istituto di custodia attenuata per detenute madri (Icam)nelle missioni solidali a Cuba e in Boliviaall’ASST di Cremonaall’ospedale Sant’Anna a San Fermo della Battaglia, in provincia di Como; all’assessorato alle Politiche Sociali, per essere donati ai bimbi aiutati dai servizi territoriali sull’affido del Comune di Milano; all’ASST Bergamo Ovestin Pediatria a Crema, grazie ad ABIO; in Congo, grazie al chirurgo Andrea Di Francesco.
Nell’estate del 2018 i nostri amici di Casa Surace hanno realizzato, con il supporto di Alimenta l’Amore e il patrocinio della Lega Nazionale per la difesa del cane, un video per sostenere le adozioni all’interno dei canili e in particolare quella di Clyde, un simpatico cagnolone in cerca di casa.
Un importante lotta quella nei confronti dell’abbandono, che quest’estate abbiamo deciso di sostenere grazie alla collaborazione con Il Milanese Imbruttito, e che già nel 2016 avevamo supportato attraverso la campagna che Radio Monte Carlo aveva realizzato in collaborazione con la Lega Nazionale per la Difesa del Cane e Alimenta l’Amore.

-Il progetto è attivo in 48 negozi Coop Lombardia.
Scopri in quali punti vendita puoi partecipare alla colletta alimentare
per la raccolta di prodotti alimentari per cani e gatti.

Fonte www.alimentalamore.it

NI.ART.GALLERY : LA BATTAGLIA DI NICOLETTA ATTRAVERSO L’ARTE

Se apriamo la pagina Instagram di Nicoletta vediamo una ragazza giovane, bella, in buona salute, felice.
Purtroppo le persone si fermano spesso all’apparenza e quindi potremmo dire che Nicoletta sia una persona da invidiare …
Ma siamo sicuri?
Ho avuto il piacere di conoscerla grazie a DFB Magazine e questa è la sua storia.

Nicoletta ha 30 anni e un anno fa la sua vita è cambiata: diagnosi di un tumore al seno metastatico e non operabile.
Da quel giorno è iniziato il suo percorso di cura presso lo IEO, un percorso che porta avanti ancora oggi e che ha fatto riscoprire in lei una dote nascosta, quella dell’arte.
Nicoletta è quella che vediamo su Instagram, sempre sorridente.
Durante il nostro incontro non ha smesso mai di sorridere e io non sapevo se piangere o trattenere le lacrime, non sapevo come reagire sentendo le parole del racconto della sua vita.

Sono forti le parole di Nicoletta, ma precise : “Fate prevenzione”
Esistono le visite, gli screening. Ecco, bisogna farli, anche senza sintomi, anche se si pensa di godere di ottima salute.

Per raccontare la sua storia e condividere la sua esperienza, Nicoletta ha creato NI.ART.GALLERY
Attraverso la pittura vuole trasmettere quell’energia di cui tutti abbiamo bisogno.

“Mi chiamo Nicoletta, ho 30 anni, un cancro al seno e, oggi come ieri, sono convinta che non ci sia cosa più bella che vivere a colori.”

@nicolettasaracco
@niartgallery

www.fondazioneieoccm.it

POLDO DOG COUTURE & DSQUARED2

Quest’anno la Fashion Week è iniziata con un evento dedicato ai nostri amici a 4 zampe.
Il 22 Settembre presso @RawMilano è stata presentata la Capsule di @Poldodogcouture in collaborazione con @Dsquared2.
Un evento dedicato non sono alla moda a 4 zampe, ma anche all’adozione.
Infatti Riccardo Gardoni (co-founder di Poldo Dog Couture) e Maria Bombonato (fondatrice di Argentovivo Academy) hanno dato vita a #POLDORESCUE , un’associazione che si dedica al recupero di cani abbandonati e al loro inserimento nella nuova famiglia.
Per tutte le info potete scrivere a Poldorescue@poldodogcouture.com

All’evento lancio della collezione hanno partecipato diversi personaggi e influencer, tra cui Valentina Ferragni, Anna dello Russo, Paolo Stella, Giulia de Lellis.
Le foto della campagna sono state scattate da Giampaolo Sgura.

Ecco alcune foto dell’evento

Foto di Alice Turazza @aliceturazza

www.poldodogcouture.com
www.dsquared2.com

SARA TURETTA: I CANI,LA MIA VITA

Dagli uffici della Saatchi & Saatchi in piazza San Babila,Milano alla volta di Bucarest per salvare i cani randagi della città.
“IL MASSACRO DIETRO L’ANGOLO” è il titolo del primo capitolo del libro di Sara Turetta, una Donna con la D maiuscola, una persona che ha lasciato il suo lavoro come account in una grande società per dedicare la sua intera vita ai cani randagi in Romania.
Non ho ancora avuto l’onore di conoscerla di persona, ma ho avuto il piacere di scambiare due chiacchiere con lei su Instagram.
Ho ricevuto una copia del suo libro, uscito il 3 Settembre 2020 e che verrà presentato Sabato 3 Ottobre a Roma Festival.

Sono sincera, sono arrivata a pagina 33 e faccio fatica ad andare avanti nella lettura perché è davvero emozionante e penso sia impossibile non far scendere almeno una lacrima mentre si scorre con gli occhi tra quelle parole così profonde, a volte correlate a immagini cruente.
Ammiro Sara perché ha avuto, e ha ancora tanto coraggio.

Non me la sento di aggiungere altro perché è un libro che ognuno di noi dovrebbe leggere con attenzione.
E’ un libro che fa riflettere e magari può cambiare il modo di agire di molte persone che ancora sono poco sensibili a certi argomenti.

Qui trovate il link per acquistare il libro (Edizioni Sonda)
www.amazon.it

I diritti d’autore saranno devoluti a SAVE THE DOGS, l’Associazione fondata da Sara nel 2005 e che ogni anno salva migliaia di randagi.

Grazie per tutto quello che fai Sara.
@sara.turetta

PROGETTO ART4SAVE

Art4save è un progetto di beneficenza  promosso dall’associazione bresciana Le Muse di Rezzato per la salvaguardia di cani e gatti senza dimora e che coniuga arte e solidarietà in una raccolta fondi destinata alla realizzazione di un impianto elettrico che alimenti la struttura stessa onde evitarne la chiusura.

Con Art4save, Le Muse intende implementare l’impegno ad oggi già intrapreso con il programma “illumina le Muse” anche esso mosso dal medesimo obiettivo affinché l’associazione possa continuare ad operare sul territorio garantendo il giusto sostentamento ed assistenza a cani e gatti abbandonati ma anche supportare le fattorie didattiche limitrofe e i propri animali.

In cosa consiste Art4save e in cosa differisce rispetto alle tradizionali formule di raccolta fondi? In primis, art4save è gestito unicamente tramite canali social (Instagram e Facebook) e soprattutto è mosso da una filosofia di fondo che è quella di “restituire qualcosa”, in questo caso un’opera d’arte personalizzata, come forma di gratitudine e riconoscenza verso chi effettua una donazione.


Prendere parte al progetto Art4save è estremamente semplice: chiunque, a fronte di una donazione minima di 9 euro, può inviare tramite email la foto del proprio animale (cane, gatto, cavallo, coniglio, gallina, iguana ecc… ) e riceverne una inedita elaborazione in chiave artistica sotto forma di file ad alta risoluzione, così che il donatore possa avere la libertà di poter scegliere su che supporto far stampare la propria opera; su tela, t-shirt, cover del cellulare, tazza o semplicemente se usare l’immagine come screen del proprio laptop o telefonino.

L’intero importo della donazione è devoluto al 100% in beneficenza tramite bonifico direttamente sui conti dell’Associazione in modo da garantire la massima trasparenza, ed ogni ritratto viene quindi realizzato in forma assolutamente gratuita dal designer Ivano Tella, da sempre molto sensibile alle tematiche animali, nonché accanito sostenitore de Le Muse.

Infine è proprio dall’intuito di questo designer e dalla tenacia di una delle volontarie storiche dell’associazione, Daniela Maddi, che il 17 maggio 2020 prende vita questa iniziativa in un momento storico particolarmente sfavorevole per il volontariato; quello del lockdown imposto dalla Pandemia di Covid19.

CONTATTARE @ART4SAVE su Instagram

LA STORIA DI CARLOTTA E DEI COCKER SALVATI E ADOTTATI

KILA

La prima proprietaria, che le aveva dato il nome di BRICIOLA, l’aveva comprata da una cucciolata casalinga dove il cane non era ancora stato svezzato dalla madre.
Purtroppo in quel periodo andava ancora di moda far tagliare la coda ai cocker.
La sua vecchia proprietaria decise quindi di portarla a fargliela tagliare.
Dopo l’operazione tornò a prenderla in scooter; il cane era ancora sotto anestesia, e la sua vecchia proprietaria decise di porre la cagnolina dentro alla sua borsetta, tenendola in mezzo alle gambe sullo scooter.
Nel tragitto del ritorno verso casa, la cagnolina iniziò a svegliarsi dall’anestesia. Nel svegliarsi, muovendosi all’interno della borsa posizionata tra le gambe della ragazza, la ragazza prese paura ( si era dimenticata della presenza del cane ) e sbandò con lo scooter in tangenziale, cadendo.
La ragazza fortunatamente non si fece molto male, nonostante fu portata via in ambulanza, mentre la cagnolina nell’impatto, sbalzò al dilà del guardrail.
La fortuna, o il destino è stato che mio papà vise tutto l’incidente e si fermò a soccorrerle.
Chiamo immediatamente l’ambulanza per la ragazza e una volta arrivata, corse dal veterinario con questo fagottino di solo 1 mese e mezzo quasi in fin di vita. La cagnolina fortunatamente, dopo attente cure e sorveglianza costante, si riprese. Ma nel mentre la ragazza non volle più saperne, accusando il cane del suo incidente.Mio padre decise quindi di farsi intestare il cane, facendo il passaggio di proprietà e adottarla!
Kila è presente nella nostra famiglia da ormai 15 anni.


ETTORE

Ettore ( inizialmente nominato Will ) è stato trovato gettato all’interno di un cassonetto in provincia di Torino, insieme ad un altra cucciola.Delle volontarie sono state contattate da una signora, che segnalò i cuccioli. Al recupero dei due poveri cagnolini, la situazione era critica. I cani erano completamente ricoperti da parassiti, che gli stavano mangiando vivi!
Ettore tra i due era quello preso peggio, aveva un intera zampa mangiata ( carne viva fino all’osso ) e le orecchie ricoperte.
Furono soccorsi immediatamente e portati in una clinica veterinaria. Ettore, che non aveva neanche 2 mesi, fu subito messo sotto osservazione, con flebo su flebo per tenerlo in vita. Dopo 2 mesi di terapie, finalmente si riprese. Nel mentre, visto che anche io ( nel mio piccolo ) cerco di dare una mano, avevo visto il suo post. Non so per quale motivo, lo evitai e non lo ripostai nella mia pagina ( cosa che invece faccio spesso ). 
A me era morto da poco un micio di 19 anni ( anche lui adottato e salvato da un altra triste storia ) e anche kila ( già presente in famiglia da 10 anni ) sentiva molto la mancanza perchè anche lei era molto legata. Finchè accadde che una mia cara amica, sapendo il mio amore per i cocker, mi girò il post di Ettore.
Pensai che allora fosse destino!Compilai la domanda di adozione, a insaputa dai miei ecc.. tanto nell’annuncio scrivevano che cercavano adozione in zona Torino, quindi le speranze erano quasi nulle per me ( io sono di Padova ), vista le tante richieste che stava ricevendo.Non ricevetti risposta per quasi 1 mese, ormai avevo perso le speranze e quasi mi ero “dimenticata”. Finchè ricevetti quella risposta tanto attesa, dove mi scrivevano “Ciao, ti avremo scelta come mamma per Will.. saresti ancora interessata?” non aspettai 2 volte e il weekend stesso andai a prendermelo a Torino.Non si sa cosa sia successo ad Ettore, da dove venga o il perchè sia stato abbandonato ( anche se presumo sia stato qualche “traffico di cani” provenienti da chissà dove, che o sono stati scoperti e si sono liberati dei cani oppure semplicemente hanno visto i cani in cattive condizioni quindi non più vendibili, se ne sono sbarazzati… davvero non so! sta di fatto che Ettore, ha ancora il terrore dei cassonetti )Ettore fa parte della nostra famiglia da ormai 5 anni.


MIA


MARLIS, soprannominata MIA.
Ha subito 3 abbandoni e di conseguenza 2 canili diversi. La sua storia è “travagliata”.
Ci è stato raccontato che Marlis fu regalata ad un signore anziano, in Puglia ( a Lecce ) come cagnolina da compagnia.
Questo signore deve essersi ammalato gravemente e ricoverato in ospedale, dove da li non è più tornato. Nel mentre, Marlis fu data ad un amico del signore, perchè i figli non la volevano tenere, ma questo “amico” dopo un pò decise di portarla in canile, perchè nemmeno lui la voleva.Dalla Puglia ricevette una richiesta di adozione al nord italia, precisamente a Torino. Marlis tramite staffette varie, arrivò nel nord italia, dove fu accolta in preaffido, da questo signore. Che esattamente dopo 3 giorni, la riportò in canile perchè Marlis era aggressiva e non gestibile.Quindi fu messa in canile in provincia di Torino.I miei genitori, visto che io ero andata a vivere fuori casa portandomi via Ettore, erano in cerca di un cane che facesse compagnia alla Kila e a loro.Videro l’annuncio di Marlis e tristi per la sua storia, decisero di adottarla loro.Siamo andati a prenderla insieme, a settembre dell’anno scorso. Mi sembra ieri quando la vidi per la prima volta, nei suoi occhi si leggeva il terrore di tutto quello che aveva passato, ma la sua voglia di una nuova famiglia era forte… tanto che i miei si innamorarono subito.Portata a casa, i primi giorni era buonissima. Perfetta al guinzaglio, educata, non sporcava in casa ecc ecc… dopo iniziò a manifestare il suo “problema” comportamentale.Iniziò ad avere dei forti attacchi di aggressività nei confronti delle persone. Non si sa a causa di cosa erano dovuti.”marchiò” tutta la famiglia, tanto da riuscire a mandare mio papà in pronto soccorso.Mio padre dopo quell’episodio non la voleva più, perchè aveva paura per la salute dell’altro cane ecc..La fine di Marlis, di riportarla in canile, non avrebbe avuto un lieto fine.
Decisi quindi di prenderla con me e lavorarci. Non è stato per niente semplice, anche ora non lo è, ma da quella che era a quella che piano piano sta diventando grazie al percorso che sto facendo insieme a lei… è completamente un altro cane!
A settembre Marlis ( detta Mia ) sarà 1 anno che vive insieme a noi.. una famiglia di matti come lei, che per il bene degli animali farebbe qualsiasi cosa.

Queste le parole di Carlotta Miazzo che ha voluto condividere con voi la sua storia.
Instagram @cockiet


DOG HEROES : LA STAFFETTA DI BENEFICENZA

PETFOOD SOLIDALE: AL VIA LA STAFFETTA 

PER DONARE PAPPE FRESCHE AI CANILI IN DIFFICOLTA’. 

OBIETTIVO UNA PRIMA TONNELLATA DI CIBO ENTRO TRE MESI

Dog Heroes lancia l’iniziativa di solidarietà per sostenere i bisogni alimentari delle strutture selezionate: per ogni nuovo cliente la startup donerà 5kg di pappe.

Madrina del progetto la top model ecologista Chiara Scelsi che farà da prima ambassador per poi coinvolgere tanti altri personaggi noti che faranno da amplificatori del messaggio.

Milano, luglio 2020  Una prima tonnellata di pappe fresche donate ai canili più bisognosi, cucinate con materie prime di qualità, senza additivi chimici né conservanti, con tanta carne, verdure, cereali, vitamine e sali minerali. Questo l’audace obiettivo della “missione” che Dog Heroes, startup del cibo fresco per cani basato su piani alimentari personalizzati e consegnati a domicilio, si è data da qui a tre mesi, chiedendo aiuto e supporto a clienti e personaggi conosciuti del mondo imprenditoriale e dello spettacolodando vita a una vera propria staffetta solidale che mira a creare un sistema concreto e virtuoso di aiuti per i tanti cani in difficoltà nei canili italiani (quasi 100.000 secondo le stime LAV 2019).

Madrina di tutta l’iniziativa è Chiara Scelsimodella da sempre attenta agli animali e all’ambiente attiva in prima linea per aiutare associazioni ed enti benefici, che ha consegnato i primi 30kg di pappe al canile Pet Rescue italia di San Giuliano Milanese (Mi) e che fa da apripista per altri ambassador che, come lei, si sono prestati (a titolo gratuito) per fare da amplificatori dell’iniziativa con le loro community.

Il funzionamento del progetto è semplice. Basta andare sul sito dogheroes.it e inserire il codice Eroe5 al momento dell’acquisto del proprio piano personalizzato di pappe. A questo punto Dog Heroes donerà 5kg di pappa fresca (con cadenza bisettimanale) al canile scelto di volta in volta tra quelli più bisognosi.

“L’obiettivo è quello di riuscire a sostenere completamente i bisogni di cibo dell’intera struttura e sensibilizzare amanti dei cani e non al problema degli abbandoni, tematica che è stata ancor più sentita nel periodo della quarantena affronta oggi il momento di picco estivo – raccontano Pierluigi Consolandi, Marco Laganà e Gregoire Desforges, fondatori di Dog Heroes – La nostra ambizione è arrivare a donare almeno una tonnellata di pappe entro i primi tre mesi della staffetta per poi ampliare l’iniziativa coinvolgendo altre realtà che possano fornire anche ulteriori prodotti e servizi necessari al perfetto funzionamento dei canili”.

Ad affiancare Chiara Scelsi, si sono resi disponibili anche Lara Gilmore, fondatrice di Food For Soul, l’imprenditore Riccardo Pozzoli, tra i fondatori di Unicef Next Gen, e tanti altri che nelle prossime settimane riceveranno il “testimone” e si impegneranno per dare visibilità al progetto su tutti i loro canali social, per poi andare di persona, insieme a Dog Heroes, a consegnare le pappe ai canili.